Torna a far discutere l’antenna Vodafone in località Coreggia

di Redazione GoValleDItria sabato, 1 marzo 2014 ore 00:42

Monta la protesta degli alberobellesi

ALBEROBELLO – Centinaia di alberobellesi da ormai un anno protestano contro l'installazione di una stazione radio base della multinazionale Vodafone in località Coreggia, in una zona largamente popolata e a pochissimi passi da una scuola materna ed elementare. Gli stessi, riuniti nel “Comitato Cittadino per la tutela della Salute e dell'Ambiente di Alberobello”, raccolsero oltre 300 firme, che inviarono il 6 febbraio del 2013 alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici, per chiedere la sospensione dell'installazione dell'antenna. Una protesta inutile, in quanto l’antenna fu effettivamente installata in vico Giorgio Pastore.

Ma il Comitato è tornato a farsi sentire, in seguito all’avvenuta eliminazione di un ripetitore di un’emittente tv in territorio di Monopoli. Ieri (28 febbraio), sulla Gazzetta del Mezzogiorno, in un articolo a firma di Valentino Sgaramella, si sono espressi il referente del Comitato, Sabino Palmisano, e un suo componente, Paolo Napoletano, che tra l’altro vive di fronte all’antenna. L’Amministrazione ha sempre mantenuto una posizione sulla questione, secondo la quale il Comune sarebbe stato quasi “costretto” ad accettare l'antenna della Vodafone in quanto, allo stato attuale, non esistono certezze riguardo ai possibili effetti nocivi a medio-lungo termine provocati da questi apparati sulla salute dell'uomo. L'Amministrazione comunale si è sempre giustificata, inoltre, affermando che la legge italiana permette agli operatori di telefonia di muoversi con una certa disinvoltura.

I residenti della frazione alberobellese sostengono di avvertire forti rumori provenire dall’antenna nelle giornate di forte vento e di non riuscire a dormire la notte. Rassicurazioni provengono dal consigliere con delega alla frazione Coreggia Vitantonio Ignisci e dal sindaco Michele Longo, i quali sostengono di essere, in questa circostanza, alleati dei cittadini e di aver contattato l’azienda per ricevere delucidazioni. Inoltre il sindaco Longo ha annunciato al predisposizione di somme nel Bilancio di Previsione che sta per essere approvato per il nuovo Piano delle Antenne, sul quale ha già deliberato il Consiglio comunale. Inoltre pare che l’Arpa abbia fatto dei rilevamenti in zona e ritenga le emissioni di onde elettromagnetiche al di sotto dei limiti consentiti per legge. Ciò però evidentemente, non basta a rassicurare i cittadini.


Tempo stimato di lettura: 1’30’’

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social







Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!