Ad Ostuni "Falcone e Borsellino - Storia di un dialogo"

di Redazione GoValleDItria venerdì, 22 luglio 2016 ore 13:41

A cura della compagnia "Témenos - Recinti Teatrali" 

OSTUNI - La rassegna teatrale estiva sull'”Aia di Carlo Formigoni"  ospiterà la compagnia leccese “Témenos - Recinti Teatrali” che presenteranno
"Falcone e Borsellino - Storia di un dialogo" di Maria Francesca Mariano e Roberto Tanisi.
 
A ventitré anni dalla morte dei due eroi nazionali, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, la compagnia "Témenos - Recinti Teatrali" propone un momento di riflessione e celebrazione con un testo scritto dal giudice Maria Francesca Mariano, magistrato della Corte d'Assise di Lecce.
Ad esibirsi saranno: Mino Profico (Giovanni Falcone), Marco Antonio  Romano (Paolo Borsellino) e Liliana Putino (Maria Falcone/Agnese Borsellino/Francesca Morvillo).
 
Un dialogo in tre quadri, ricostruito in tre momenti diversi della storia comune dei due magistrati amici.
 
Tra un quadro e l'altro si alternano le testimonianze di Maria Falcone, sorella di Giovanni, Agnese Borsellino, moglie di Paolo, Francesca Morvillo, moglie di Giovanni, morta con lui nell'attentato. 
 
Il racconto è scritto dal Dott. Roberto Tanisi, Presidente della Corte d’Assise di Lecce.
 
I pensieri e le parole si accavallano, le figure, colte in momenti critici della loro attività di magistratura, diventano umanissime e gigantesche.
 
Il tutto si potrà ammirare ed ascoltare da domani, sabato 23 fino a  domenica 24 luglio, ad Ostuni, in contrada Galante/San Salvatore, a partire dalle ore 21. 
 
L’ingresso è con quota di complicità suggerita.
 
Per informazioni si può telefonare al numero 0804395096 / 3383566557.
 
 
Tempo stimato di lettura: 30''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social







Commenti recenti

  • taranto nino

    forse é opportuno aggiiugere una piantina con il percorso alternativo

    Mostra articolo
  • Moretti Lorenzo

    Tutto molto bello, fare prevenzione e' sempre meglio che intervenire quando il fattaccio e' gia' avvenuto. A proposito che ne dite di redarguire...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!