A Cisternino la prima Unione Civile

di Redazione GoValleDItria domenica, 11 dicembre 2016 ore 15:05

La dichiarazione del Sindaco Convertini

CISTERNINO – Fino a qualche tempo fa sarebbe apparsa scandalosa l’idea che persone dello stesso sesso si unissero civilmente. 
 
Nella giornata mondiale dei Diritti dell’Uomo e della Donna, che si celebra il 10 dicembre, si è celebrata a Cisternino, nella splendida cornice della Torre Civica Normanna la prima unione civile, istituto giuridico, regolato dalla Legge 20 maggio 2016 N. 76.
 
Il Sindaco Luca Convertini, ha dichiarato che riconoscere un diritto non significa toglierlo a qualcun altro soprattutto quando non tocca la libertà degli altri. 
 
Nel matrimonio, - ha continuato il primo cittadino - nessuno è costretto a qualcosa che ne violi la libera volontà e chi crede al matrimonio come un sacramento valido solo per la coppia donna e uomo, resta libero di celebrarlo e viverlo ma certamente non può sentirsi offeso dal fatto che altri abbiano scelto di dichiararsi e accettare la vita nella sua complessità. 
 
Bisogna considerare gli esseri umani, a prescindere dalle loro inclinazioni sessuali, tutti uguali, tutti portatori della stessa dignità, senza distinzioni pretestuose.  La società futura è basata sul dialogo, sulla tolleranza, sull’accettazione delle diversità, senza pregiudizi o stereotipi; comprendere e accettare il nuovo equilibrio tra i generi è diventato una conquista importante. Oggi (ieri, 10 dicembre, ndr) – ha concluso - comunque a Cisternino si è celebrato la festa della felicità, dell’amore, dei diritti, della dignità e dell'uguaglianza.  A loro auguro che possano condurre una vita in cui ci sia sempre l’amore”.
 
 
Tempo stimato di lettura: 30''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social







Commenti recenti

  • taranto nino

    forse é opportuno aggiiugere una piantina con il percorso alternativo

    Mostra articolo
  • Moretti Lorenzo

    Tutto molto bello, fare prevenzione e' sempre meglio che intervenire quando il fattaccio e' gia' avvenuto. A proposito che ne dite di redarguire...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!