A Milano l'alto artigianato e l'alta moda si uniscono

di Redazione GoValleDItria venerdì, 28 agosto 2015 ore 07:29

Grazie a "Ramasola" e Michele Gaudiomonte. LE FOTO

MILANO – Mercoledì 26 agosto, in occasione della settimana dedicata alla Puglia e alle sue eccellenze all'Expo di Milano 2015, l'alta moda e l'alto artigianto si sono uniti. Durante la sfilata “Spaghetti Aglio, Olio e Peperoncino”, il cibo, con la sua cultura e le sue tradizioni, grazie al genio di Michele Gaudiomonte, diventa un gioco creativo rappresentando l’incanto di una terra forte e generosa.
 
Architetto e stilista, nonché “chef per un giorno” ad Expo 2015, Gaudiomonte ha messo in tavola una sorprendente “sfilata sensoriale”, che si pone il fine di raccontare donne ulivo, donne papavero, donne saracene e barocche, notti stellate e giornate caratterizzate dal sole cocente. Il tutto per invitare chiunque a gustare con la vista la meravigliosa semplicità di un buon piatto di spaghetti aglio, olio e peperoncino. 
Questo sembra un piatto semplice, ma, nella sua facilità, nasconde un’intuizione geniale, scelte impeccabili ed un’esecuzione ai limiti della perfezione. 
Dal canto loro,le creazioni di Michele Gaudiomonte sono estremamente sartoriali e, pertanto uniche e  preziose, caratterizzate da tessuti in seta, organza ed ecopelle, dipinti esclusivamente a mano. 
 
Tramite la regia di Rossano Giuppa, inoltre, Michele Gaudiomonte, è riuscito a rappresentare la Puglia a Canton per l’anno italocinese, ha vinto numerosi premi nazionali e internazionali e ha sfilato per Alta Moda Roma, nella sezione “Next”, dedicata ai nuovi talenti emergenti. È stato recensito in numerose occasioni su “Collezioni” e “Vogue”e  ha collaborato con la rivista “Maxim”. Frequenti, inoltre, sono state le sue apparizioni nel mondo dello spettacolo, in veste di scenografo e costumista, vestendo numerosi personaggi, dal palcoscenico al piccolo schermo. 
 
Sempre ieri, allo stesso tempo, però, si è esaltata la microagricoltura e l’artigianato attraverso l'evento “La Puglia in un intreccio”, che ha avuto come protagonista il “Pomodoro Regina”. Questo, simbolo del Sud, è portavoce di una cultura antica, di una microeconomia capace di rispettare la Terra, raccogliendo e conservando i suoi doni, non invasiva, fiera della sua identità e della sua trionfante biodiversità. 
A celebrarlo e a raccontarlo mediante la ceramica smaltata, intrecciata al filo di cotone, ci ha pensato l’Alto Artigianato “Ramasola” di Luigi de Palma e Martino Pinto
 “Ramasola”, dal greco “intreccio”, “ramo di sole”, dunque, ad Expo 2015, diventa un gioiello arcaico, simbolo della maestria artigianale. 
 
Da vera “Regina” il pomodoro sfila arricchendo le sete e le organze di “Gaudiomonte Couture”, attraverso un rinnovamento della tradizione, sempre nel rispetto per l’antica arte del fare. “Love Apple” è il gadget simbolo – creato in esclusiva per Expo 2015 – di un sapore ed un sapere da non dimenticare. 
 
I creatori, Luigi de Palma e Martino Pinto affiancano alla loro attività di architetti ,quella di designer e ricercatori nell’ambito dell’artigianato d’eccellenza. Grazie alla loro passione reinventano gli oggetti del quotidiano, le icone e gli archetipi della cultura popolare in terracotta smaltata, pietra, ferro, vimini e materiali naturali, nel rispetto della tradizione legata al territorio e della natura. 
In questo modo ridanno vita, mediante l’arte contemporanea, a fichi d’india, a pomodori intrecciati, ad antiche maschere.
I loro lavori sono stati, altresì, recensiti e pubblicati in numerose riviste del settore, nonché su testate nazionali ed internazionali.
Ad Expo 2015 mettono in scena le ultime produzioni del loro brand “Ramasola” - Apulian Mood – già presentato in ambito nazionale alla BIT - Milano 2013.
 
 
Tempo stimato di lettura: 40''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social







Commenti recenti

  • taranto nino

    forse é opportuno aggiiugere una piantina con il percorso alternativo

    Mostra articolo
  • Moretti Lorenzo

    Tutto molto bello, fare prevenzione e' sempre meglio che intervenire quando il fattaccio e' gia' avvenuto. A proposito che ne dite di redarguire...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!