Locus Festival 2017: grande successo per il live di Bonobo

di Redazione GoValleDItria lunedì, 10 luglio 2017 ore 14:33

Sabato 15 luglio si torna in Piazza Moro a Locorotondo con The Heliocentrics. LE FOTO

LOCOROTONDO – Se il buongiorno si vede dal mattino, allora non poteva esserci miglio partenza per il Locus Festival 2017. Ieri sera, 9 luglio, grande successo di pubblico per il concerto di Bonobo nella caratteristica cornice del Mavù Masseria.
 
Bonobo, moniker del raffinato producer inglese Sim on Green, a quattro anni di distanza dal fortunato “The North Borders”, al primo posto nelle classifiche classifiche elettroniche americane e britanniche, nonché pionere della nuova
“Intelligent Dance Music”, ha presentato ieri il suo sesto album, “Migration”. La data del Locus Festival, infatti, rappresentava una delle due tappe italiane (la prima si è svolta a Milano il 13 marzo scorso) del suo live tour mondiale.
 
Il live ha coinvolto il pubblico presente con il suo intrigante live set. Del resto non ci si poteva aspettare altrimenti da uno degli artisti più acclamati del momento sulla scena indie-rock ed elettronica, ma non solo. Difatti, rispetto ai precedenti lavori, Bonobo propone un album di più raffinata fattura, grazie anche al coinvolgimenti di alcuni musicisti di talento, come il pianista Jon Hopkins.
 
Se nulla si può eccepire sotto un profilo artistico, certamente qualche disagio è stato rilevato dal pubblico in quella più prettamente organizzativa, soprattutto per quanto riguarda il food and beverage. Dettagli che certamente saranno meglio curati per le prossime date.
 
E a proposito di prossimi appuntamenti, sabato 15 luglio il Locus Festival torna in Piazza Moro con The Heliocentrics.
 
Dopo gli apprezzatissimi lavori condivisi con Mulatu Astatke, Lloyd Miller, Orlando Julius (con cui si sono esibiti al Locus nel 2015) e Melvin Van Peebles, il combo inglese degli Eliocentrics è tornato a produrre materiale in solitudine, ed è di nuovo un'esplosione di suoni e colori. Il loro album del 2016 “From the deep” esprime non solo free jazz sopraffino, ma anche odissee ritmiche, sperimentazioni rumoriste, etnicismi assortiti e groove irresistibilmente funky. Sulla stessa scia il nuovo album in arrivo “Time” che sarà presentato al Locus 2017.
 
 
Tempo stimato di lettura: 30''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social







Commenti recenti

  • MicahWekXJ MicahWek

    Our company offers supreme quality health products. Visit our health contributing website in case you want to strengthen your health....

    Mostra articolo
  • taranto nino

    forse é opportuno aggiiugere una piantina con il percorso alternativo

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!