Partono i lavori del ciclovia dell'Acquedotto da Locorotondo a Ceglie Messapica

di Redazione GoValleDItria venerdì, 5 ottobre 2012 ore 00:13

Sarà completato entro un anno secondo l'assessore regionale alla Mobilità, Guglielmo Minervini

Guglielmo Minervini

LOCOROTONDO - I lavori sono già in corso. Il primo tratto della Ciclovia dell’acquedotto pugliese da Locorotondo a Ceglie Messapica, un pregevole tratto di interesse cicloturistico nel cuore della Valle d’Itria, sarà completato entro un anno, secondo quanto dichiarato dall’assessore regionale alla mobilità Guglielmo Minervini, l’amministratore unico di Acquedotto Pugliese Ivo Monteforte e il progettista Loris Venturini.


“Nel 2011 – evidenzia Minervini - per la prima volta nel nostro paese si sono vendute più biciclette che auto. Le due ruote si candidano a essere il simbolo dello stile di vita responsabile che sta maturando in questo tempo di crisi. In questo senso noi abbiamo deciso, dal punto di vista delle politiche pubbliche, di investire con convinzione nelle potenzialità della mobilità sostenibile”.
Al termine dei lavori, finanziati dalla regione con 1,8 milioni di euro, la strada di servizio dell’AQP lungo il canale principale sarà ciclabile e sicura.
“Lungo gli 11 km del percorso – spiega Minervini - saranno aperti gli accessi (attualmente vietati), rifatta la pavimentazione, realizzate aree di sosta e segnaletica. Il nostro intervento è strategico per il potenziale che le ciclovie possono esprimere sul fronte del turismo sostenibile e dello sviluppo economico di attività collegate, come i servizi connessi al cicloturismo ed escursionismo (guide, accompagnatori, ciclofficine). Servizi che possono generare una nuova economia che si muove nel pieno rispetto e tutela del paesaggio e del territorio”.


Non ci sarà cemento o interventi pesanti. Verrà effettuata la sistemazione degli accessi laterali alla ciclovia e il rifacimento dei muretti a secco. La pavimentazione del percorso ciclabile per una larghezza di circa 2.50 – 3 m sarà di due tipologie a seconda dei tratti: in misto stabilizzato con leganti naturali per le parti sub pianeggianti, conglomerato ecologico, per i tratti con maggiori pendenze. L'intervento permetterà la messa in sicurezza dei parapetti dei ponti canale che rappresentano la parte più suggestiva, e attualmente pericolosa, degli itinerari per la possibilità di viste panoramiche sul paesaggio della valle d’Itria. Ci sarà la messa in sicurezza degli attraversamenti stradali e dei tratti in rilevato; la realizzazione di appositi varchi d’ingresso al fianco dei cancelli di servizio e la installazione lungo tutto il percorso di una segnaletica turistica; sarà attivato un sistema di rilevazione e conteggio elettronico dei flussi di bici e di pedoni da collegare ai siti web.

Sarà realizzata anche un’area di sosta, in corrispondenza del cancello n 8, in contrada Figazzano, fra la ciclovia dell’AQP e l’itinerario ciclabile Locorotondo - Cisternino previsto dal progetto di rete ciclabile di area vasta. Tale area, integrata con l’ambiente agricolo circostante, sarà caratterizzata da un pergolato di circa 10x3 m con colonne in pietra e traversi in legno con centrale una spirale di metallo alta 2 m che richiama la struttura del trullo. All’interno del pergolato saranno disposti due tavoli e quattro sedie in pietra.


Questo primo intervento rappresenta il primo stralcio del grande sistema della ciclovia dell’Acquedotto Pugliese da Venosa a Grottaglie (TA) di oltre 250 Km di lunghezza individuato nell’ambito del progetto CYRONMED e rientra nella variante pugliese del percorso nazionale n. 11 “Ciclovia degli Appennini” della rete BICITALIA. Lo stesso sistema cartografico nazionale di riferimento della Fiab che in Puglia, grazie al contributo della Regione, ha già tracciato la Ciclovia dell'Adriatico, da Chieuti a Leuca, e quella dei Borboni, da Bari a Napoli, su strade secondarie e a bassa incidenza di traffico.

Tempo di lettura stimato: 1'30''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social







Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!