Noci per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

di Redazione GoValleDItria venerdì, 18 novembre 2016 ore 16:01

Le iniziative per il 20 novembre

NOCI - Il 20 Novembre del 1989 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, ratificata da oltre 190 Paesi nel mondo. In Italia la sua ratifica è avvenuta nel 1991. Ogni anno, nell’anniversario di questa importante circostanza, in tutto il mondo si celebra la Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. 
 
Anche a Noci si celebrerà questa giornata, con una grande festa in Piazza Garibaldi, in cui i protagonisti saranno i bambini. La manifestazione vedrà il coinvolgimento della Cooperativa Comunità San Francesco, del CESAP, dell’Associazione Girandoliamo Insieme e della Consulta delle Associazioni del Comune di Noci.
 
Artisti di strada, momenti di riflessione e laboratori sulle emozioni coinvolgeranno i più piccoli e le loro famiglie dalle 10:00 alle 12:00.
 
«Vorrei ci soffermassimo tutti sull’importanza di celebrare queste giornate e viverle non solo come momenti di svago, ma anche come occasioni per riflettere – ha dichiarato l’Assessore alla Socialità, dott.ssa Lorita Tinelli. – Purtroppo persistono, anche nella nostra città, fenomeni di bullismo e di maltrattamenti di minori, e non possiamo chiudere gli occhi e far finta di niente. I primi passi verso la soluzione del problema sono l’informazione e la prevenzione, e giornate come questa vanno proprio in questa direzione. Per questo l’Amministrazione comunale sostiene convintamente l’iniziativa».
 
«I bambini sono il nostro futuro. Quando li maltrattiamo, stiamo violentando il domani. E quando li educhiamo alla violenza e alla rabbia, invece, gettiamo le basi per un futuro di odio – così il Sindaco, dott. Domenico Nisi. – Giornate come queste hanno un senso solo se sono in grado di lasciare profondo in tutti noi il segno di questa consapevolezza, perché una comunità che non sa prendersi cura dei propri bambini, che non è in grado di educarli al rispetto e all’amore, è e sarà sempre una comunità povera».
 
 
Tempo stimato di lettura: 40''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social







Commenti recenti

  • taranto nino

    forse é opportuno aggiiugere una piantina con il percorso alternativo

    Mostra articolo
  • Moretti Lorenzo

    Tutto molto bello, fare prevenzione e' sempre meglio che intervenire quando il fattaccio e' gia' avvenuto. A proposito che ne dite di redarguire...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!