Piò: la linea di smartphone di un imprenditore fasanese

Dal primo giugno disponibili in tutta Italia. Il centro di assistenza regionale è a Locorotondo

FASANO - Da Fasano in Centro America e poi in Cina. Da una ditta di materiale elettronico ad una nuova compagnia di cellulari che sta imperversando in Centro America e in Medio Oriente. “Italyelectronicstyle” è un’azienda nata 20 anni fa in Italia, poi il fondatore italoamericano si è trasferito in Centro America, dove ha lasciato l’azienda per dedicarsi ad altri business, per rifondarla un anno e mezzo fa con l'inserimento di Angelo Scialpi, fasanese, co-fondatore e project manager e designer dei prodotti. Italyelectronicstyle ha il 50% di una fabbrica in Cina dove costruiscono la nuova linea di telefonia “Piò”, marchio registrato, e prodotti per altre grosse compagnie. In America, Piò è distribuito in Centro America, Sud America, Stati Uniti e Miami. Grazie ad Angelo Scialpi, l'azienda sarà diffusa anche in italia dal primo giugno.

 
 
“La nostra tecnologia è a portata di tutte le persone, con un ottimo rapporto qualità-prezzo e abbiamo una linea femminile che ha fatto impazzire le donne di tutto il mondo: Piò Diamante”  – spiega Angelo Scialpi.
Il distributore italiano si chiama Giovanni Lisi, della New Karson, con sede a Fasano e Pescara, che diffonderà il prodotto a tappeto in tutta Italia. “E’ un grossista da 20 anni ed è uno dei più grandi distributori italiani  – aggiunge Angelo – gli ho già mandato la campionatura e ha avuto modo di testare i prodotti e presentarli ai suoi potenziali clienti che adesso li aspettano con ansia, per caratteristiche e prezzo”.
 
Dal primo giugno, gli Smartphone Piò, con software Android, saranno distribuiti in tutta Italia, anche attraverso un sito internet e “stiamo realizzando un forum dove si potranno scaricare giochi e file di informazioni”.
La principale novità? Un sistema di auto-repair: un software per gli auto-aggiornamenti, utile anche quando telefono prende un virus o si sovraccarica la memoria oppure si bloccano le applicazioni o ci sono casi di danneggiamento software.
 
In questo modo, non sarà più necessario mandare il telefono in assistenza, perché basterà un click dal proprio telefono per ripararlo. Alcuni modelli: Piò Invidia, software 2.3.7; Piò Invidia Plus, software 4.0.5 Android. Entrambi vantano una grafica 3D imbattibile, HD resolution 720p, 8 mega pixel e dual sim (per contenere due schede telefoniche sullo stesso telefono). 
“Sono Smartphone 5 pollici con caratteristiche diverse dagli altri marchi” – spiega Scialpi. I telefoni Piò funzionano con tutti gli operatori e hanno cinque bande di frequenza, riconoscimento facciale di sicurezza, ottima definizione, allineamento automatico dei file sullo schermo (per evitare l’increscioso problema dello scorrimento da sinistra a destra e viceversa per leggere documenti e navigare nel web), tethering e hotspot per condividere la connessione del telefono con più apparecchi tramite usb o wi-fi, gps, e numerose altre funzioni da scoprire.
 
Piò pensa anche agli accessori: pellicole proteggi-display, custodie, foderi, batterie, caricabatterie. E per quanto riguarda il centro assistenza per la Puglia, è a Locorotondo, presso “Masterphone” di Piero Prezioso, in cui si possono già visionare e acquistare i primi modelli.
In dotazione con ogni telefono:  custodia in pelle (solo con il 7 pollici), batteria, caricabatteria, cavo dati, auricolare 25W, manuale di istruzioni, tre pellicole proteggi-display.
 
Per Angelo Scialpi, l’azienda è un sogno che si avvera. “Da un anno vivo fuori da Fasano, mi mancano gli amici e i parenti, e nonostante le mie non buone condizioni fisiche, ho deciso di dedicarmi con tutta l'energia a quest’attività che ha preso piede come non immaginavo”.

Inserisci un commento


Valle d'Itria social







Commenti recenti

  • taranto nino

    forse é opportuno aggiiugere una piantina con il percorso alternativo

    Mostra articolo
  • Moretti Lorenzo

    Tutto molto bello, fare prevenzione e' sempre meglio che intervenire quando il fattaccio e' gia' avvenuto. A proposito che ne dite di redarguire...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!