Le cantine della Valle d’Itria protagoniste a ‘Calici del Borgo Antico’

di Redazione GoValleDItria giovedì, 21 novembre 2013 ore 10:53

Cantine di Alberobello e Locorotondo parteciperanno alla kermesse biscegliese.

BISCEGLIE – Al via ‘Calici nel Borgo Antico’, la due giorni dedicata all’enogastronomia e alla storia che si terrà il 23 e 24 novembre.
 
Per il quinto anno consecutivo la città di Bisceglie si appresta a diventare la capitale indiscussa dell’enogastronomia pugliese con un evento dedicato interamente ad una delle punte di diamante della Puglia: il vino.
 
Con Calici nel Borgo Antico sarà possibile degustare vini bianchi, rossi e rosati, dolci o liquorosi, novelli e spumanti delle più rinomate cantine pugliesi. E tra un bicchiere  e l’altro non mancheranno degustazioni di prodotti d’eccellenza, visite guidate ed eventi collaterali.
Quest’anno anche la Valle d’Itria farà sentire la propria presenza con la partecipazione di cantine di Alberobello e di Locortondo. Ad animare il percorso del vino allestito nel borgo antico biscegliese, infatti, cantina “Pietra Tauro” di Alberobello e le cantine “I Pastini” e “Cardone” di Locorotondo.
 
Calici nel Borgo Antico è una manifestazione nata dall’associazione Borgo Antico Bisceglie e allestita negli androni dei portoni e dei palazzi storici della città adriatica. Nelle passate edizioni i vicoli del borgo antico sono state invase da intenditori o anche semplici appassionati del buon vino. La manifestazione, oltre ad avere un importante valore dal punto di vista economico e turistico, rappresenta anche un modo offerto ai commercianti per far conoscere i prodotti di qualità che la Puglia ha da offrire. 
 
 
Tempo stimato di lettura: 35''
 

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!