I migliori ristoranti della Valle d'Itria secondo la Guida de L'Espresso 2015

di Redazione GoValleDItria lunedì, 12 ottobre 2015 ore 16:10

Le eccellenze gastronomiche della Valle d'Itria segnalate nella Guida "I Ristoranti d'Italia" 2015 de L'espresso

DALLA VALLE - Non solo mare ed arte, storia e cultura, ma anche buon cibo, anzi ottimo cibo.
 
È questa l'immagine che la guida gastronomica del settimanale L'Espresso, "I ristoranti d'Italia 2015", conferisce alla Puglia.
 
Quest'anno nella prestigiosa classifica redatta dalla più attesa - e talvolta temuta - delle guide da parte degli addetti al settore, compaiono ben 42 ristoranti pugliesi, segno di una sempre più crescente attenzione verso una cucina di qualità nella nostra regione, e di una sempre più forte volontà di migliorarsi continuamente per venire incontro ai palati più attenti ed esigenti.  
 
Al primo posto fra i ristoranti pugliesi consigliati all'interno de I ristoranti d'Italia spicca il Ristorante Angelo Sabatelli, a Monopoli nella cornice dell'antica masseria Spina.
Il secondo gradino del podio già premia la Valle d'Itria, infatti se lo aggiudicano alla pari Già sotto l'Arco di CarovignoAl Fornello da Ricci di Ceglie Messapicaguidato magistralmente dalla creatività e dalla competenza di Antonella Ricci e di suo marito Vinod Sookar.
 
Anche il terzo posto della speciale classifica de L'Espresso presenta due ristoranti eccellenti della Valle d'ItriaBotrus, lo spazio creativo dello chef Francesco Nacci ubicato nel centro storico della città messapica ed Il poeta contadino di Alberobello, con 15 punti su 20. 
 
Ceglie Messapica si conferma capitale della gastronomia pugliese dunque, primeggiando a livello regionale sul numero di suggerimenti indicati dai redattori della guida edita da L'Espresso e piazzando tra i migliori ristoranti della regione anche Cibus - di Lillino Silibello - un riferimento ormai da tempo per la buona cucina.
 
Un bel riconoscimento i tanti nomi di ristoranti di casa nostra nella guida ai ristoranti d'Italia de L'Espresso 2015, che premia l'impegno e la passione di tanti professionisti che consentono alla Valle d'Itria di annoversarsi sempre più nel gotha della gastronomia nazionale.
 
 
Tempo stimato di lettura: 40''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!