In Valle d'Itria le riprese del nuovo film di Uccio De Santis

di Redazione GoValleDItria mercoledì, 21 ottobre 2015 ore 06:59

Le riprese proseguiranno fino al 21 novembre

DALLA VALLE - L’amore improbabile tra un muratore del Sud e un’emancipata manager del Nord, ma anche l’amore per le proprie tradizioni e la propria terra attraverso la ricerca di un vecchio trullo rubato.
 
Questa è la trama che caratterizza il film “Mi rifaccio il trullo” di Uccio De Santis, diretto da Vito Cea su soggetto e sceneggiatura di Antonio De Santis e Silvio Donà.
 
Le riprese,iniziate a Venosa nella giornata di lunedì 19 ottobre, proseguiranno per 5 settimane fino al 21 novembre tra Cisternino, San Vito dei Normanni, Martina, Monopoli, Locorotondo, Bari e Fasano.
 
Prodotto dalla Adriatica Film di Mimmo Cavallo  con il supporto logistico di Apualia Film Commission, il film vede come protagonisti  Uccio De Santis, Lorena Cacciatore, Pietro Genuardi, Stefano Masciarelli, Umberto Sardella, Antonella Genga, Gianni Ciardo, Roberta Garzia, Claudio Insegno,Beppe Convertini, Giustina Bonomo, Franco Paltera, Brando Rossi e Giacinto Lucariello.
 
Il film, dunque, si dipana intorno alla figura di Michele Modugno, un muratore pugliese con la passione della musica, che vive in un grande trullo con la madre, la sorella Melania e il cognato Sebastiano, anche lui muratore, nonché suo socio. 
 
Per ripianare un debito contratto con la banca, Michele affitta d’estate un piccolo trullo sul mare di sua proprietà. Il giorno prima di ospitare una turista milanese, Giada, riceve però, una brutta sorpresa: qualcuno ha rubato il trullo. Infatti, la costruzione è stata depredata delle pietre e del cono.
 
Michele cerca un’altra sistemazione per la turista, ma alla fine, è costretto ad ospitarla presso la propria abitazione, ma questa convivenza non porterà altro che sorprese e scompiglio nella vita del protagonista. 
 
Tempo stimato di lettura: 30''
 

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!