Pioggia e freddo in Valle d'Itria. Miglioramento nel week-end.

di Redazione GoValleDItria giovedì, 22 ottobre 2015 ore 09:08

Le previsioni meteo per giovedì 22 ottobre

VALLE D'ITRIA - Un vortice depressionario formatosi al largo delle Baleari nella giornata di ieri, mercoledì 21 ottobre, si è spostato in direzione della Sicilia, causando l’ennesima pesante ondata di maltempo di quest’autunno, con nubifragi e fenomeni alluvionali lampo soprattutto nella zona di Catania e provincia.

Il minimo segue il suo cammino verso Est, in direzione dello Ionio, coinvolgendo gradualmente con piogge copiose e maltempo gran parte delle regioni del versante ionico.

Per quanto riguarda la nostra regione, piogge intense erano attese soprattutto già a partire dalla notte appena trascorsa, con precipitazioni che localmente potranno essere anche di forte intensità. La zona che pare più esposta, in base alle ultime proiezioni, risulta il Salento e via via a salire brindisino, tarantino e sudest barese.

Il territorio della Valle d’Itria sarà interessato oggi, soprattutto dalle prime ore della mattina, dall’ondata di maltempo derivante dal minimo depressionario in spostamento verso il Mar Ionio. Le piogge potranno essere più abbondanti fino alla prima parte del giorno. Dal pomeriggio è atteso un graduale miglioramento, con piogge residue e piovaschi fino alle prime ore di venerdì. I venti saranno moderati e a tratti sostenuti da Grecale tendente a ruotare a Tramontana. La temperatura sarà inferiore alle medie del periodo, con maggior freddo atteso venerdì. Il tempo successivamente migliorerà sensibilmente, con deciso rialzo termico specie nella giornata di domenica.

 

Tempo stimato di lettura: 30''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!