Al via il Puglia Press Tour “Dalle Città bianche ai Trulli”

di Redazione GoValleDItria sabato, 7 novembre 2015 ore 07:33

Una delegazione di giornalisti visiterà i borghi di Alberobello, Ostuni, Cisternino, Locorotondo e Martina Franca

VALLE D’ITRIA - Partirà oggi, sabto 7 novembre, da Alberobello il quinto Puglia Press Tour, una delegazione di giornalisti di testate nazionali scoprirà la terra pugliese nelle sue più diverse declinazioni. In tre giorni qualificati rappresentanti di stampa, Web e TV avranno modo di scoprire la Valle d’Itria, avamposto del turismo internazionale: dall’inizio del 2015 solo da Alberobello sono transitati oltre un milione di turisti. E molti scelgono di non tornare più a casa. In Valle d’Itria infatti non ci sono solo viaggiatori, il “Trullishire” è diventato il buen retiro a vita per chi sceglie Alberobello, Ostuni, Cisternino, Locorotondo o Martina Franca per stabilirsi definitivamente in Puglia.

Il Puglia Press Tour “Dalle Città bianche ai Trulli” è uno dei 7 tour inseriti nel progetto che il Servizio Turismo, Ufficio Promozione dell’Assessorato Industria Turistica e culturale della Regione Puglia ha presentato al MIBACT nell’ambito della Linea di Intervento II.2.1 (Progetto POIN - Programma Operativo Interregionale - FESR 2007-2013 – Azioni istituzionali di promozione interregionale, nazionale e internazionale, dell’offerta culturale, naturale e turistica delle Regioni Convergenza).

Il tour è iniziato ieri, venerdì 6 novembre, con una visita alla città bianca per eccellenza, Ostuni. Vista dal basso, Ostuni appare come un miraggio di luce bianchissima in cima alla collina. Vicoli stretti, ripide scalinate, corti e piazzette su cui affacciano case bianche punteggiate da gerani, botteghe artigiane e ristorantini, conducono alla Cattedrale del XV secolo in stile romanico-gotico, con un portale e un rosone di rara bellezza.

Sabato 7 novembre si prosegue per Cisternino. A pieno titolo inserita nel club dei Borghi più belli d’Italia, Cisternino ha un cuore medievale che rievoca un villaggio orientale. Case imbiancate a calce, vicoletti dalle chianche tirate a lucido, archi, scalette, piazzette e ballatoi fioriti. All’ingresso del centro storico svetta la Torre quadrangolare normanno sveva, mentre piazza Vittorio Emanuele è il punto di ritrovo per viaggiatori da tutto il mondo.

Si prosegue nella stessa mattinata per Martina Franca, con visita al Palazzo Ducale e alla Collegiata di San Martino. Dopo Lecce, Martina Franca è l’altra capitale del Barocco pugliese. I palazzi signorili con i balconi in ferro battuto, i portali con stemmi e maschere apotropaiche, le chiese monumentali che sfoggiano marmi policromi: tutto parla di arte e storia tra eleganti particolari e luoghi spesso segreti.

Si passa poi per Locorotondo, anch’essa inserita tra i Borghi più belli d’Italia. Meno conosciuta e per questo tutta da scoprire, Locorotondo offre una vista mozzafiato sulla Valle d’Itria. Di impianto circolare, stretto attorno alla Chiesa Madre, l'antico nucleo di Locorotondo è caratterizzato dal bianco della calce e dalle stradelle silenziose. Il centro storico colpisce per il suo insieme grazioso e intimo, e le case terminano con gli inconsueti tetti aguzzi che qui vengono chiamati cummerse.

La giornata conclusiva di domenica 8 novembre sarà tutta dedicata ad Alberobello, universalmente nota come la capitale dei trulli. Dal 1996 patrimonio dell'umanità dell'UNESCO, la città offre oggi le stesse suggestive emozioni di centinaia di anni fa, quando intorno al XV secolo i proprietari dei terreni imposero ai contadini di edificare le loro abitazioni a secco, in modo che sembrassero precarie e di facile demolizione, per evitare in tal modo di pagare i tributi del Re di Napoli. Nel pomeriggio di domenica ci sarà una visita guidata al Trullo Sovrano, il più avanzato esempio di trullo su due piani con la sua maestosa cupola conica di 14 metri risalente alla prima metà del Settecento.
 

Tempo stimato di lettura: 1' 00''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!