Gestione rifiuti: dopo l'estate nuovo servizio per i Comuni dell'Aro BA/6

di Redazione GoValleDItria giovedì, 2 aprile 2015 ore 07:26

L'Assessore all'Ambiente di Locorotondo parla dello stato dell'arte

LA GESTIONE DEI RIFIUTI NEI NOSTRI COMUNI | GIUSI CONVERTINI FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE | AVVENIRE PRESENTA RICORSO AL TAR CONTRO IL BANDO DELL'ARO | IL TAR RIGETTA L'ISTANZA DI AVVENIRE | AVVENIRE NON MOLLA E PRESENTA RICORSO IN APPELLO

LOCOROTONDO - Lo scorso dicembre è stata aggiudicata in via definitiva la gara di appalto per l’affidamento del servizio di igiene urbana, raccolta e trasporto rifiuti urbani ed assimilati nei comuni dell’Aro BA/6 (Alberobello, Locorotondo, Noci e Putignano) dalla ditta Tradeco srl di Altamura. A tal riguardo abbiamo sentito Giusi Convertini, Assessore all'Ambiente del Comune di Locorotondo, capofila dell'Aro.
 
A che punto è l’iter amministrativo? Quali sono i tempi di attivazione del nuovo servizio di gestione?
Non è stato ancora possibile procedere con la sottoscrizione del contratto con la Ditta aggiudicataria e, dunque, partire con l’avvio del servizio poiché, dopo l’aggiudicazione definitiva, è stato presentato ricorso da una da parte della Tekneco, una delle Ditte che hanno partecipato alla gara indetta dall’Aro Ba6. A mio avviso, considerata la propedeutica fase di organizzazione, start up ed avvio delle attività, il nuovo servizio partirà subito dopo il periodo estivo.  
 
Locorotondo sarà il primo Comune a beneficiare del nuovo servizio: cosa cambierà per i cittadini?
Sarà necessario innanzi tutto un cambio di mentalità poiché cambierà radicalmente il sistema di conferimento e dei rifiuti, a partire dalla operazione di separazione e differenziazione delle diverse frazioni di rifiuto, che dovrà essere eseguita in casa, sino alla modalità di raccolta. Nel centro urbano e nelle zone periferiche e più adiacenti al paese, secondo un calendario (giornate ed orari) prestabilito, sarà effettuata la raccolta porta a porta delle frazioni differenziate di plastica e alluminio, carta e cartone, vetro, organico ed indifferenziato, con eliminazione totale dei cassonetti. Nella vasta area extraurbana, invece, è previsto il compostaggio domestico per la raccolta dell’organico (con l’ovvia previsione di una percentuale di riduzione sulla tariffe per i cittadini), oltre alla distribuzione sul territorio di mini isole ecologiche, postazioni mobili costituite da pianali su cui saranno posizionati i cassoni per la differenziata, laddove, in determinate fasce orarie ed per tre giorni a settimana, si potranno conferire i rifiuti. Queste in linea generale le principali novità del servizio che sarà illustrato in maniera dettagliata e diffusa ai cittadini durante la fase organizzativa e di start up.
 
Come si stanno regolando gli altri Comuni dell’Aro? 
La Legge Regionale n. 24/2012 impone ai Comuni di predisporre una relazione ed una griglia di comparazione tra il servizio in corso ed il nuovo servizio proposto dalla Ditta aggiudicataria: e tanto al fine di poter valutare, sotto il profilo di efficienza tecnica e vantaggio economico, la opportunità di aderire al nuovo servizio (e quindi recedere dal precedente contratto). Posso dire che alcuni dei Comuni dell’Aro sono orientati in tale direzione.
 
Resta da vedere, quindi, cosa decideranno di fare gli altri comuni dell'Aro.
 
 
Tempo stimato di lettura: 1' 00''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!