Firmata la Convenzione per i beni immobili del Comune al CRSFA “Basile Caramia”

di Redazione GoValleDItria mercoledì, 3 febbraio 2016 ore 12:20

“Si tratta di una firma storica”. LE FOTO

LOCOROTONDO- “Si tratta di una firma storica”: questo è stato il commento unanime e che ha rappresentato il leitmotiv della giornata di sabato 30 gennaio in sala consiliare a Locorotondo. In questa occasione, infatti, è stata sottoscritta la Convenzione con cui il Comune di Locorotondo, proprietario dei beni immobili ex IPAB, ufficialmente ne concede l'utilizzo al Centro di Ricerca, Sperimentazione e Formazione in Agricoltura “Basile Caramia”.
All'importante appuntamento sono stati presenti tutti i protagonisti di questi anni: il prof. Nicola Vito Savino,presidente Fondazione ITS per l'Agroalimentare; il prof. Martino Pastore, già dirigente scolastico ITAgr “Basile Caramia”; Donato Pentassuglia, consigliere regionale e Presidente IV commissione Regione Puglia; il dott. Antonio Palmisano, presidente CRSFA “Basile Caramia”; Tommaso Scatigna, sindaco di Locorotondo. Assente giustificato il dott. Giuseppe Petrelli.
 
Prima che i rappresentanti dei due enti, rispettivamente il sindaco Scatigna per il Comune e il presidente Antonio Palmisano per il CRSFA, apponessero la firma sulle tre copie della Convenzione, sono intervenuti il preside Martino Pastore, visibilmente commosso per l'importante documento da sottoscrivere, ed il presidente Vito Nicola Savino, che ha ringraziato tutti i collaboratori per i risultati raggiungi in questi anni e per il gran lavoro svolto nei diversi settori dell'Agricoltura.
 
«Era da più di 20 anni che si attendeva questa firma ed oggi finalmente c'è- ha dichiarato il presidente Antonio Palmisano-. Va dato atto a questa Amministrazione Comunale di aver lavorato affinchè oggi giungessimo a questo importante documento. Da oggi e grazie a questa Convenzione il CRSFA avrà maggiore tranquillità per continuare a lavorare con serietà e nel vivo interesse della comunità. Tanto altro c'è ancora da fare e per questo chiedo ai miei collaboratori uno sforzo maggiore da domani. Ci sono impegni e scadenze che dovranno necessariamente essere rispettati nei prossimi mesi e sono certo che, con la professionalità che contraddistingue ciascuno di loro e con la sicurezza che ci proviene da questo atto, non possiamo che assolverli nel migliore dei modi. Oggi comincia un nuovo capitolo per il CRSFA “Basile Caramia”, di cui tutti dobbiamo sentirci responsabili».
 
«Abbiamo dato dignità e un riconoscimento ufficiale a quanti da 20 anni fanno sacrifici per il CRSFA “Basile Caramia”- ha espresso tutta la sua soddisfazione il primo cittadino Tommaso Scatigna-. Va dato atto a questa Amministrazione Comunale che nulla è stato mai fatto per impedire, intralciare o solo rallentare l'iter faticoso intrapreso per addivenire a tale firma. La non intromissione della politica in questo percorso ha favorito il raggiungimento di quello che oggi viene definito da tutti i protagonisti “momento storico”. Dobbiamo ringraziare il CRSFA e riconoscere i miglioramenti che da questo ente sono stati apportati al nostro patrimonio ed al valore aggiunto che il Centro rappresenta per Locorotondo. Sacrifici, ricerche, miglioramenti strutturali, opportunità di sviluppo e di lavoro: tanti e diversi i risultati raggiunti dal CRSFA “Basile Caramia” dalla sua istituzione ad oggi. Credo che la firma della Convenzione sia una base più che solida per continuare a lavorare in maniera ineccepibile come è stato fatto finora». 
 
La convenzione sarà rinnovata il 30/06/2029 e, tra le altre cose, dettaglia le obbligazioni reciproche dei due enti. Il Comune autorizza il Centro a realizzare sui beni immobili affidati opere di riqualificazione, di adeguamento e di miglioramento immobiliare e fondiario, nel rispetto delle vigenti norme in materia, conferendo altresì potestà di iniziativa, di organizzazione e di gestione con l’esercizio delle attività connesse.
 
Il Centro assume, tra l'altro, l’impegno di:
a) mettere a disposizione del Comune, a titolo gratuito, l’ acqua richiesta per la tutela del verde pubblico, proveniente dal pozzo artesiano realizzato dal Centro nell’ambito della Misura (Vivaismo 4.1.6 ) Programmazione Regionale P.O.P. 1994 -1999;
c) promuovere e sottoscrivere con il Comune e gli altri enti regionali titolari della gestione delle risorse idriche apposito protocollo di intesa per la valorizzazione del pozzo ai fini dell’utilizzo dell’acqua a scopi sociali, istituzionali nonché per le esigenze del territorio comunale, fatte salve le specifiche esigenze del CRSFA;
d) mettere a disposizione del Comune, previa richiesta da far pervenire entro 8 giorni, l’aula magna del Centro Agroalimentare, per la realizzazione di proprie iniziative istituzionali assumendo tutti gli oneri di custodia, pulizia, riscaldamento, illuminazione;
e) rendersi disponibile a fornire assistenza e consulenza per la redazione di progetti e per la partecipazione a bandi pubblici al fine di ottenere finanziamenti nelle materie di competenza;
f) concedere al Comune, in caso di espressa richiesta, lo scorporo di parti della proprietà immobiliare e fondiaria, che costituiscano oggetto di finanziamenti riservati alla Pubblica Amministrazione, a condizione che l’utilizzo delle stesse non siano incompatibili per precedenti finanziamenti ottenuti dal Centro per l'espletamento delle proprie attività;
g) mettere a disposizione del Comune o di enti, associazioni, organizzazioni autorizzati dal Comune, il piazzale antistante la Masseria Ferragnano, previa formale richiesta del richiedente che dovrà pervenire almeno entro 10 giorni lavorativi dalla data dell’evento, per finalità di carattere sociale e culturale che non confliggono con le attività del CRSFA. Le eventuali spese di pulizia, energia ecc., saranno a carico del soggetto richiedente;
h) finanziare borse di studio istituite dal Comune di Locorotondo nel limite delle risorse disponibili di cui all’art. 4 comma 2, da usufruirsi presso il Centro o presso un altro ente Socio e da destinare nel rispetto delle finalità sociali e testamentarie di cui alle premesse.

 

Tempo stimato di lettura: 1'

 

 

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!