Sequestro Ss 172 e trasporto scolastico: la soluzione proposta da FSE

di Redazione GoValleDItria giovedì, 18 febbraio 2016 ore 07:08

La soddisfazione del sindaco di Locorotondo e del consigliere Speciale. SEQUESTRO DEPURATORE | SEQUESTRO SS 172 | RIUNIONE SU TRASPORTO PUBBLICO

LOCOROTONDO – Dopo il sequestro della tratto della Statale 172 che collega Locorotondo a Martina Franca, sono soprattutto i pendolari locorotondesi, studenti e lavoratori, a subire i maggiori disagi. 
 
Gli alunni che vanno a Martina per frequentare i vari istituti, a causa della deviazione da Cisternino della tratta solita Locorotondo-Martina e viceversa, infatti, stanno arrivando con 20 minuti di ritardo a scuola in quanto devono percorrere con l'autobus 13 km in più. 
 
Al fine di evitare che i disagi derivanti dal sequestro del depuratore di Martina Franca, seguito dal sequestro della SS 172, possano riversarsi sugli studenti, FSE ha dato ampia disponibilità nel trovare una soluzione al problema. Ed è per ciò che ieri mattina, mercoledì 17 febbraio, si è riunito un tavolo tecnico, convocato dal Comune di Martina Franca, con i rappresentanti dei comuni di Martina Franca, Locorotondo ed Alberobello, i dirigenti scolastici, i referenti delle Ferrovie del Sud Est e dell'azienda di trasporto pubblico locale Miccolis.
 
Nella sala degli Uccelli hanno discusso delle possibili soluzioni per il Comune di Locorotondo il consigliere comunale delegato alla Viabilità, Vito Speciale, presente anche al vertice con l'assessore regionale Giovanni Giannini.
 
Come scritto ieri, FSE al tavolo tecnico si è presentata con una proposta che potrebbe attutire di molto la problematica. Si andrebbe, infatti, ad incentivare l’utilizzo del treno, pur lasciando invariato il numero di autobus a servizio della tratta Locorotondo-Martina Franca, dove continueranno ad esserci 4 pullman che partiranno con 10 minuti di anticipo rispetto alla regolare tabella di marcia.
Quindi, tutti gli autobus da Locorotondo partiranno alle ore 7:20 anziché alle 7:30. 
 
Contemporaneamente sarà possibile usufruire del treno delle ore 7:31 che parte da Locorotondo per andare a Martina e che ha una capienza di 150 posti. Per gli studenti diretti alla zona Pergolo, inoltre, FSE metterà a disposizione un bus navetta. 
 
Il tutto con lo stesso titolo di viaggio, senza alcun aggravio per le famiglie. 
 
Tutto questo dovrà partire dal 1° marzo, sentito l'assessore regionale Giannini ed il Commissario Straordinario FSE Viero. 
 
Sarà compito dei Dirigenti Scolastici presentare il piano dei trasporti agli studenti di Locorotondo presenti nei rispetti istituti. 
 
Soddisfatti dei risultati sia il consigliere Vito Speciale che il sindaco Tommaso Scatigna:
 
Grazie alla collaborazione con la FSE – ha dichiarato a fine riunione il consigliere Speciale - possiamo considerare ottimo e soddisfacente risultato per i nostri pendolari e per tutti i nostri studenti in riferimento al recente blocco della Statale. Fermo restando gli attuali corse su gomma con il solo anticipo dell'orario di partenza dalle 07.30 alle 07.20, si é deciso infatti di sperimentare una soluzione dal 1' marzo che prevede la possibilità di prendere il treno alle ore 7.31 e dalla stazione di Martina utilizzare un bus navetta messo a disposizione gratuitamente dalle Fse. Tutto con lo stesso titolo di viaggio. È una sperimentazione che potrà finalmente consentire il trasporto in sicurezza, con tempi più certi e soprattutto in modo ecosostenibile!”. 
 
Grazie alla collaborazione con la FSE e con il Comune di Martina Franca, - ha commentato il primo cittadino di Locorotondo Tommaso Scatigna - si è deciso di sperimentare una soluzione per gli studenti che da Locorotondo vanno a scuola a Martina. È una sperimentazione che la FSE sta portando avanti nell'ottica di trasformare il trasporto verso Martina più puntuale e funzionale. Si spera di arginare gli enormi disagi che negli ultimi giorni si sono purtroppo aggiunti!senza nessun aggravio per le famiglie!!Meglio di così ragazzi...”. 
 
 
 
Tempo stimato di lettura: 1'

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!