Presepe Vivente Locorotondo: saranno devolute in beneficenza le offerte raccolte

di Redazione GoValleDItria sabato, 20 febbraio 2016 ore 07:10

Durante la Santa Messa di domenica in Chiesa Madre

LOCOROTONDO - Domani, domenica 21 febbraio in Chiesa Madre gli organizzatori del Presepe Vivente e tutti coloro che hanno contribuito alla sua riuscita, parteciperanno alla celebrazione della Santa Messa delle ore 11.30, nel corso della quale al momento dell'Offertorio porteranno all'altare un defibrillatore da donare all'Istituto Comprensivo “Marconi-Oliva” e una donazione in denaro all'associazione “Comasia Iacovazzo”, impegni economici sostenuti grazie ad una parte delle offerte volontarie raccolte durante le 4 serate del Presepe Vivente. Grazie agli oboli volontari dei visitatori è stato possibile sostenere l'adozione a distanza di un minore, avviata già da 2 anni, attraverso l'associazione Agata Smeralda.
 
«Un ringraziamento veramente di cuore vogliamo farlo a tutti coloro che hanno partecipato, sostenuto e visitato il Presepe Vivente di Locorotondo - hanno commentato i referenti del progetto che da 5 anni ha riportato a Locorotondo la rappresentazione vivente della natività - abbiamo ricevuto il loro sostegno, non solo economico ma soprattutto morale, che ci ha consentito di portare avanti il Presepe con entusiasmo e determinazione nonostante le difficoltà incontrate. Sono stati circa 5000 i visitatori di questa edizione e grazie a loro abbiamo potuto spargere tanta generosità: dal defibrillatore, all'adozione a distanza fino al contributo alla “Comasia Iacovazzo”. Ancora grazie. Il nostro impegno continua».
 
 
 
Tempo stimato di lettura: 40''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!