Un corso di lingua italiana per stranieri a Locorotondo

di Redazione GoValleDItria lunedì, 9 dicembre 2013 ore 09:57

Domani la consegna delle certificazioni

LOCOROTONDO – La cultura dell’integrazione deve necessariamente passare dalla scuola. E questo lo ha ben compreso la dirigente dell’ Istituto Comprensivo “Marconi-Oliva”, prof.ssa Teresa Turi, la quale lo scorso anno ha attivato, per la prima volta nel Comune di Locorotondo, un Corso gratuito di Lingua Italiana L2 per cittadini di Paesi Terzi con certificazione CELI di livello A2, all’interno del Progetto FEI  “Interagire per crescere”, in collaborazione con l’Associazione per la Formazione Professionale “Quasar” di Putignano.

Domani, martedì 10 dicembre, alle ore 18.30 presso l’Aula Magna dell’Istituto Comprensivo sito in piazza Mitrano, si svolgerà la cerimonia di consegna, a quanti hanno partecipato a tale progetto, delle Certificazioni CELI di livello A2. Saranno presenti: la Dirigente Scolastica, prof.ssa Teresa Turi, il Sindaco Tommaso Scatigna, l’Assessore ai Servizi Sociali, Martino Santoro, il prof. Gianvito Ricci, referente del progetto per conto dell’Associazione per la Formazione Professionale “Quasar” di Putignano, la docente di L2 prof.ssa Giovanna Baccaro e la mediatrice culturale Diana Cela.

Numerose sono state le adesioni al progetto, considerando sia la valenza sia la normativa vigente, che impone ai cittadini stranieri di raggiungere, in riferimento all’ “Accordo di Integrazione” in vigore dal 10 marzo 2010, livelli di conoscenza della lingua italiana sufficienti. Il corso è stato, sotto questo punto di vista, efficace ed utile strumento offerto agli immigrati per avviare un percorso di integrazione che, oltre alla conoscenza della lingua italiana, dallo scorso anno, prevede la conoscenza dei principi civici fondamentali del nostro Paese.

Il corso, condotto da una docente di lingua italiana del territorio, è stato organizzato in sessanta (60) ore di lezione, suddivise in quaranta (40) di docenza della lingua italiana e venti (20) con l’ausilio di un mediatore culturale, il quale ha agito da ponte per coloro che non avevano ancora una sufficiente conoscenza dell’italiano e che ha curato la parte “pratica” del corso.

I partecipanti, pur con notevoli difficoltà dovute agli impegni lavorativi e all’oggettiva non facilità della nostra lingua, hanno cercato di essere presenti a tutte le lezioni, perché, oltre agli obblighi legislativi, ai quali devono rispondere, si sono sentiti motivati in modo determinante per un totale coinvolgimento nella nostra società, a livello nazionale e realtà di paese.

Il corso, oltre ad essere stato gratuito, presentava una serie di funzionalità, non ultimo il fatto che sia stato erogato dal CVCL (Centro di Valutazione e Certificazione Linguistica) dell’Università degli Stranieri di Perugia, Ente accreditato a livello europeo per il rilascio di certificazioni CELI (Certificazione Europea di Lingua Italiana).


Tempo stimato di lettura: 1’30’’

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!