Al via l'11^ edizione del Locus Festival

di Redazione GoValleDItria venerdì, 24 luglio 2015 ore 07:35

Protagonisti del primo weekend di eventi Bilal e Robert Glasper 

SFOGLIA LO "SPECIALE LOCUS FESTIVAL" DI GOVALLEDITRIA.IT

LOCOROTONDO - Forte di 10 anni consecutivi in costante crescita, il Locus Festival presenta la sua undicesima edizione con un respiro sempre più internazionale, valorizzando sempre di più la bellezza e ricchezza del suo territorio: Locorotondo e tutta la Valle d’Itria, magico angolo di Puglia fra le colline a due passi dal mare.

Dal 24 luglio al 10 agosto, si svolgerà lo straordinario programma artistico del 2015, che consolida il Locus come uno dei festival più belli e interessanti d’Italia. Headliners come George CLinton & Parliament Funkadelic, Sly & Robbie, Nils Pettere Molvaer, Robert Glasper, Lamb, Bilal, Nils Fraham, Orlando Julius & Heliocentrics, Dj Solal dei Gotan Project oltre a moltissimi altri artisti, si esibiranno durante tre weekend tematici: la moderna black music americana, le leggende della contaminazione musicale, e le sue avanguardie elettroniche contemporanee.
 
Accanto ai grandi concerti, si rinnova l’esperienza delle conferenze Locus Focus guidate da Ashley Kahn, uno dei più celebri critici musicali al mondo, e si inaugurano due nuovi format: il Premio BCC Locus dedicato alle eccellenze musicali del territorio, ed Elita Summer Sessions, evento live elettronico in collaborazione con Elita Design Week Festival di Milano. In vari punti del centro storico ci saranno dj set e musica dal vivo prima e dopo i concerti del palco principale in piazza Moro. I concerti saranno introdotti da tre presentatori di grande competenza musicale: Alessio Bertallot nel primo weekend, Nicola Gaeta nel secondo, e Luca De Gennaro nell’ultimo fine settimana.
 
Quest’anno la musica del Locus raggiunge anche il mare, con dj set e aperitivi pomeridiani nel Lido Bosco Verde (in Contrada Pilone) per accogliere gli splendidi tramonti pugliesi. Per finire in bellezza, il 10 agosto ci sarà “Audi Night: Locus festival Closing Party” uno speciale evento di video mapping, in cui protagonista “virtuale” sarà la nuova Audi R8 con sua avanguardia tecnologica. Immerso nelle suggestive e coinvolgenti immagini degli highlights della supersportiva del marchio dei quattro anelli, il territorio prenderà nuova vita e, fra dj set, sonorizzazioni e mongolfiere, il caratteristico skyline del belvedere di Locorotondo si trasformerà in un grande spettacolo di luci e colori, fruibile dalla Valle d’Itria circostante. 
 
La maggior parte degli eventi sono ad ingresso libero. A pagamento i concerti di George Clinton e Nils Frahm, con biglietti a partire da 20 euro (+d.p.).
 
Il Locus è organizzato da Bass Culture Srl in collaborazione con il Comune di Locorotondo, e con il sostegno fondamentale dell’Unione Europea e della Regione Puglia. La prestigiosa casa automobilistica Audi è il main sponsor del 2015, a cui si aggiunge il supporto di BCC Locorotondo, di Tormaresca, che quest’anno etichetterà una selezione dei suoi vini pregiati nel segno del Locus, e di altri brand di qualità come Okun beachwear, Berwich comfortable pants, e la birra Palm Hop Select.
 
La direzione artistica è curata come sempre da Gianni Buttiglione e Ninni Laterza.
 
Negli ultimi dieci anni, il Locus Festival si è affermato nel panorama delle rassegne musicali italiane per il perfetto equilibrio tra qualità e popolarità delle proposte, posizionandosi fra i festival musicalmente più all’avanguardia del nostro Paese. 
 
Il Locus Festival è partito da una dimensione locale nel 2005, nel piccolo e accogliente centro storico circolare di Locorotondo, ma subito con una evidente ispirazione globale sviluppata con amore e dedizione lungo questi dieci anni. Tutto nel Locus, dal nome stesso, al logo, al cartellone artistico ed al contesto territoriale è “glocal”: nella valorizzazione del luogo si apre alla globalità artistica, al turismo consapevole, al superamento dei confini geografici, anagrafici, economici, stilistici. Ai grandi concerti sul palco, si affiancano iniziative di valorizzazione della tradizione enogastrono- mica nel territorio, incontri letterari e di cultura musicale, azioni di contenimento dell’impatto ambientale.La scorsa edizione ha registrato oltre 50 mila presenze con un pubblico tra i 25 e i 50 anni, creando un vero e proprio volano attrattivo per il turismo proveniente da tutta Italia.
 
Da venerdì 24 luglio a domenica 26 luglio Locus proporrà il primo weekend di programmazione, interamente dedicato alla moderna black music americana con due grandissimi ospiti internazionali come Bilal e Robert Glasper sul palco di Piazza Aldo Moro a ingresso gratuito.
 
Venerdì 24 luglio torna al Locus il pioniere del nu-soul americano Bilal. Nato Philadelphia, Bilal si trasferisce poi a New York dove entra in contatto con artisti storici come The Roots, Q-Tip, Common, Mos Def e Erykah Badu. “Volevo cantare Jazz, suonare Jazz, scrivere Jazz”, diceva di sé. Riesce così ad affinare le sue già grandi qualità di musicista jazz. Entra nel gotha della musica black e avvia diverse collaborazioni con grandi musicisti e produttori, tra cui Jill Scott, Common, Dr.Dre, Dre & Vidal. Presto giunge la consacrazione definitiva che lo porterà ad essere considerato oggi uno dei guru mondiali della musica black. Il live al Locus Festival sarà la sua unica data italiana.
 
Domenica 26 luglio sarà invece la volta di Robert Glasper, pianista e produttore statunitense che presenterà il nuovo album “Covered" accompagnato da Vincent Archer al basso e Damion Reid alla batteria. Nato in Texas, Robert Glasper si è formato a New York dove ha collaborato con Bilal, Mos Def, Q-Tip, Kanye West, J Dilla, Erykah Badu, Jay-Z, Common, Talib Kweli e molti altri. Il suo album “Black Radio” (2012) si e’ aggiudicato il Grammy Award come miglior album R&B. Il prestigioso premio è stato adirittura bissato nel 2013 con “Black Radio 2”, un altro incredibile album contaminato di Jazz, Soul, R&B e HipHop che ha visto la partecipazione di: Dwele, Anthony Hamilton, Norah Jones, Macy Gray, Jill Scott, Common e molti altri. Dopo essersi esibito nell’edizione 2013 con il progetto Experiment, Robert Glasper ritorna al Locus festival in forma di trio jazz acustico, e con un profilo ancora più alto nella black music e nel jazz moderni. Fra i suoi recenti e più clamorosi impegni: la colonna sonora dell'attesissimo film su Miles Davis "Miles Ahead", e la partecipazione al capolavoro di Kendrik Lamar "To Pimp a Butterfly".
 
-VENERDI' 24 LUGLIO-
 
Lido Bosco Verde
17:30 - Dj set: Alessio Bertallot 
 
Belvedere 
19:00 - Locus Focus con ASHLEY KAHN: "Remembering Clark Terry" Partecipano: Ugo Sbisà, Nicola Gaeta, Andrea Sabatini, Antonio Martino.
 
Main stage 
21:30 - Live: Serena Brancale. 
22:00 - Live: BILAL
 
In centro 
23:30 - Dj set: Katzuma aka Deda 
 
-SABATO 25 LUGLIO-
 
Belvedere 
19:00 - Locus Focus con ASHLEY KAHN: "Carlos Santana e Suono Universale: l’autobiografia" A cura del co-autore del libro. Partecipano: Nicola Gaeta, Antonio Martino. 
 
Main 
21:00 - Film: Keep On Keepin'on (2014) Documentario sul trombettista Clark Terry, prodotto da Quincy Jones.
22:30 - Live: Mission Formosa meets Dario Deidda e Adrea Sabatino - tribute to Clark Terry 
 
-DOMENICA 26 LUGLIO-
 
Belvedere 
19:00 - Locus Focus con ASHLEY KAHN: Un uomo per tutti i mondi: Robert Glasper e l'attuale sovrapposizione di Jazz, R & B e Hip- Hop" Partecipano: Robert Glasper, Alessio Bertallot, Antonio Martino
 
Sul corso 
20:00 - Dj set: Cloud Danko Locus Friends session 
 
Main stage 
21:30 - Live: Ainé 22:00 - Live: ROBERT GLASPER TRIO 
 
Belvedere 
23:30 - Live: Loop Therapy feat. Alessio Bertallot
 
 
Info:
www.locusfestival.it 
info@locusfestival.it
www.facebook.com/locusfestival
Tel . 3939639865
 
 
Tempo stimato di lettura: 2' 30''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!