Angelo Panarese presenta a Locorotondo il suo ultimo libro

di Redazione GoValleDItria venerdì, 24 luglio 2015 ore 10:22

Nell'ambito della rassegna "Libri nei vicoli del Borgo"

LOCOROTONDO - Questa sera (24 luglio), alle 20.30, presso la Villa Comunale di Locorotondo, la rassegna "Libri nei vicoli del Borgo" ospita Angelo Panarese, che presenterà il volume "Ferite aperte. Il crollo del regno delle due Sicilie". Dialogherà con l'autore Paolo Palmisano.

Il saggio affronta con un approccio revisionista ed antideologico il tema della "crisi" del Mezzogiorno dal 1858-59 al 1887: dal "crollo" del regime borbonico all'avanzata garibaldina al Sud e alla costruzione dell'Unità d'Italia. Accanto agli aspetti più propriamente politici della storia risorgimentale, nella seconda parte del saggio si analizzano, in maniera particolare, le problematiche della formazione del mercato capitalistico unitario, la nascita della "questione meridionale", il vivace dibattito sul brigantaggio che si svolge alla Camera dei Deputati, il ruolo, in quell'epoca, del Banco delle Due Sicilie come strumento di sviluppo dell'economia del Mezzogiorno.

E' il tentativo di costruire una controstoria realistica dei problemi post-unitari, lontana dalla visione retorica e fuorviante di molta parte della storiografia nazionale, per dare al Sud una rappresentazione più veritiera ed oggettiva.
 
Angelo Panarese, laureato in Lettere e Scienze Politiche, Dottore di ricerca e collaboratore dell'Istituto di filosofia politica all'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari, è docente di scuola media superiore, Sindaco della città di Alberobello dal 1994 al 2001, è autore di svariati volumi sulla storia del Mezzogiorno.
 
 
Tempo stimato di lettura: 30''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!