Al via la stagione teatrale a Locorotondo

di Redazione GoValleDItria giovedì, 14 gennaio 2016 ore 14:29

Si inizia domani, venerdì 15 gennaio, con "Le Monologhe"

LOCOROTONDO - Torna la programmazione teatrale nell'auditorium comunale di Locorotondo. Da domani venerdì 15 gennaio, infatti, il palco tornerà ad animarsi con interessanti proposte teatrali, in quanto il lavoro di collaborazione fra gli Assessorati alla Cultura ed alle Pari Opportunità insieme alla Banca di Credito Cooperativo di Locorotondo ha prodotto quattro appuntamenti: un venerdì al mese.
 
Si comincia domani venerdì 15 gennaio con la comicità di Angela Calefato e il suo “Le Monologhe”: un successo romano consacrato da bellissime recensioni che fanno di questo spettacolo comico un evento imperdibile. Tre sorprendenti monologhi per tre celebrità. Il mondo dello show business in chiave parodistica.
Da cornice all'evento saranno allestite la mostra di pittura di Iris Ruggieri e la mostra di fashion design di Ida Chiatante
 
L'appuntamento di febbraio è fissato a venerdì 19: l'opera di Luigi Pirandello  “Il piacere dell'onestà” verrà proposta nell'adattamento drammaturgico e mediante la regia di Carlo Dilonardo. “Il piacere dell’onestà” racconta la storia di un uomo fallito e di dubbia moralità, Angelo Baldovino, che accetta solo per il rispetto e il “piacere” dell’onestà di sposare una ragazza di buona famiglia, Agata Renni, che aspetta un bambino da un uomo maritato, il marchese Fabio Colli. Per il suo “spietato” rispetto della “forma”, Baldovino diventerà insopportabile e sarà visto come un “tiranno”: né lui, né gli altri potranno fare a meno di essere così integerrimi. Nel cast: Monica Montanaro nel ruolo di Maddalena; Maurizio Di Pierro in Maurizio; Mauro Di Michele in Fabio; Tania Demita in Agata; Francesco Placato in Baldovino e Vincenzo Lisi nel ruolo del parroco. Disegno luci Marco Zara, consulenza musicale Paolo Palazzo, consulenza tecnica Pino Dimichele, assistente alla regia Valentina Colucci e in regia Carlo Dilonardo. Per questo spettacolo è previsto un matinè rivolto alle scuole.
 
A marzo, venerdì 11, in occasione della festa della donna, l'Assessorato alle Pari Opportunità offre uno spettacolo di Daniela Baldassarra, “Zero a zero”, con ingresso gratuito.
La tematica centrale delle opere della drammaturga Daniela Baldassarra è la donna, in particolar modo i suoi lavori accendono i riflettori sul tema della violenza di genere, intesa non  solo come violenza sessuale, ma scandagliata e raccontata in tutte le sue molteplici sfaccettature. “Zero a Zero” è un monologo, anzi uno ‘sproloquio’ che racconta ancora una volta le donne e il loro universo. 
Con un linguaggio diretto, ironico e tagliente, la protagonista racconta la sua storia: da moglie illusa e poi delusa, a casalinga frustrata, a madre mancata, a single impertinente alla ricerca del suo riscatto, a femme fatale. Co-protagonisti ovviamente gli uomini, con le loro manie, i pregiudizi, i tic e le fissazioni. Uomini che non riescono più ad essere eroi romantici, ma che riversano tutte le loro insicurezze nel rapporto di coppia. Donne e uomini spesso insopportabili, eppure indispensabili gli uni agli altri. E’ infatti proprio all’idea di completezza, di complementarietà e di amore che punta la morale più profonda di questo spettacolo….dopo un percorso brillante e irriverente, la protagonista, con delicatezza ed emozione, ci condurrà, in punta di piedi, nelle stanze più segrete del suo cuore, raccontandoci storie che all’improvviso diventano universali, e che quindi appartengono a tutti noi. 
Allo spettatore la libertà di guardare alla Donna con occhi diversi, o di restare intrappolato nei cliché che la società troppo spesso propone e impone.
 
Una donna e l'universo femminile hanno aperto la rassegna e con la stessa tematica si chiude l'ultimo appuntamento venerdì 15 aprile. Daniela Baldassarra presenta il suo “Nei nostri panni” – new edition che racconta l’universo femminile attraverso un testo brillante, ma allo stesso tempo riflessivo. L'autrice porta in scena donne graffianti, buffe e maledettamente sfortunate con gli uomini. Con leggerezza si raccontano storie di donne e uomini troppo spesso vittime dei propri retaggi culturali e dei cliché che la società propone e impone. Protagonista iniziale una donna tradita che cercherà di riscattarsi dalla delusione vestendo i panni di donne diverse, più audaci, più forti, più indipendenti dall’idea dell’amore. Tema chiave dello spettacolo è la sublimazione del sesso, vissuto dagli uomini come un’affermazione della propria virilità e del proprio presunto savoir faire, e spesso considerato dalle donne un mezzo per legare a sé l’uomo. Sono gli uomini che pensano sempre al sesso, o sono anche le donne che spesso offrono solo quello? “Nei nostri panni” – new edition nasconde però l’intimo desiderio di ristabilire un dialogo tra uomini e donne, purtroppo più che mai lontani in un contesto sociale votato all’apparenza e alla superficialità. E il finale dello spettacolo racconterà quali sono le parole giuste per ricominciare a dialogare…
 
A tal proposito l’Assessore alle Pari Opportunità, Giusi Convertini, e quello alla Cultura, Claudio Antonelli, hanno dichiarato: “Sono quattro appuntamenti che siamo certi scalderanno l'inverno locorotondese abbiamo scelto di far prevalere la tematica femminile perchè anche una sera a teatro possa essere un momento di confronto e di riflessione per e con il pubblico femminile”. 
 
Gli ultimi due spettacoli sono ad ingresso gratuito.
 
Gli spettacoli si svolgeranno presso l’Auditorium Comunale con ingresso alle ore 20,30 e sipario alle ore 21.00.
 
Ecco la programmazione completa: 
 
Venerdì 15 gennaio
Le monologhe
di Angela Calefato
ingresso a pagamento
info e biglietti al 320 6853172
 
Venerdì 19 febbraio
matinè ore 10.00
Il piacere dell'onestà
di Luigi Pirandello
adattamento drammaturgico e regia di Carlo Dilonardo
ingresso a pagamento
info e biglietti al 347 2537234
 
Venerdì 11 marzo
Zero a Zero
di Daniela Baldassarra
ingresso gratuito
 
Venerdì 15 aprile 
Nei nostri panni – new edition
di Daniela Baldassarra
ingresso gratuito
 
 
Tempo stimato di lettura: 1' 30''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!