Grande successo per il Locus Festival

di Redazione GoValleDItria giovedì, 18 agosto 2016 ore 10:22

Gran finale in arrivo con Kamasi Washington

LOCOROTONDO - Attraverso un avvincente percorso musicale d’avanguardia, la dodicesima edizione del Locus festival ha portato a Locorotondo circa 90.000 persone in quattro weekend. 
 
Un dato che vede quasi raddoppiate le presenze dello scorso anno, e che conferma il trend in crescita sia del festival che del richiamo turistico di un territorio ricco di fascino: la Valle d’Itria.
 
Ora ci si prepara al gran finale il 27 agosto al Mavù club, con il concerto di Kamasi Washington, artista di punta del jazz americano attuale che sintetizza al meglio la filosofia musicale del Locus festival.
 
Per molti versi, la musica del sassofonista americano Kamasi Washington e della sua band rappresenta un perfetto punto d’arrivo del Locus festival 2016: al centro della black music più vitale e calda del momento, tra l’avanguardia di Flying Lotus e la migliore tradizione afroamericana, Kamasi unisce il jazz al soul ed al funk in maniera estremamente fresca e coinvolgente, creando nuovi ponti fra generazioni e stili musicali.
 
Considerando anche le sue citazioni della grande eredità musicale e spirituale di Sun Ra, icona musicale a cui è dedicato il Locus 2016, Kamasi è la conclusione ideale per un festival dedicato allo spazio ed alle sue metafore artistiche: “space is the place”!
 
A fare gli onori di casa, lo speciale dj set di Nicola Conte, celebre dj e producer di profilo internazionale, il cui approccio al jazz ed alla black music ha molti punti di contatto con il suono di Kamasi Washington.
 
Main sponsor dell’evento: è Tormaresca, che per l’occasione curerà uno speciale punto di ristoro con i suoi vini selezionati per il Locus 2016 e con la degustazione di prodotti tipici. 
 
Sabato 27 agosto 2016, con apertura alle ore 22 presso il Mavù Club,
 
Ingresso con biglietto. Prevendita disponibile nel circuito bookingshow.it e a Locorotondo presso Vicious Store in corso XX settembre.
Il biglietto è in prevendita al costo di 18 euro (diritti inclusi), mentre al botteghino costa 20 euro.
Si può acquistare  il bigliettoridotto in prevendita
<http://bassculture.us2.list-manage.com/track/click?u=db00cec0c1983f06eaf38526a&id=d6b502e367&e=94f1963346>.
 
Il percorso del Locus si è snodato dal jazz e dalla fusion classica del giovanissimo Jacob Collier, espressa live con un uso spettacolare e d’avanguardia della tecnologia, alla scena newyorkese passata e presente con Dj Premier & The Badder e con gli Snarky Puppy. 
 
Dal nu-soul elettronico e dub degli inglesi Andreya Triana e Submotion Orchestra all’elettronica live di Floating Points ed alla club culture di Theo Parrish
 
Il Locus festival ha scommesso su una line-up versatile che ha messo insieme cose molte diverse fra loro, alla ricerca di una sottile linea che passa attraverso tutte queste esperienze, e che affiora di tanto in tanto nei migliori festival internazionali.
 
La formula è stata premiata dal pubblico, ed ha consolidato il Locus come un appuntamento di primo piano nel panorama italiano e con un forte e crescente appeal all’estero.
 
Ai suddetti headliner si sono uniti altri straordinari ospiti che hanno impreziosito gli eventi, alcuni dei quali a sorpresa: Laura Mvula, Torii Wolf, Jordan Rakei, Jelani Blackman, Populous,  Jolly Mare, Zp aka Zippo, Joan Thiele.
 
Grazie al supporto di Audi Italia, il Locus ha inoltre affiancato la buona musica all’arte contemporanea, con l’intervento dell’artista multidisciplinare Felice Limosani, che ha trasformato il centro storico di Locorotondo in un percorso emozionale fatto di light design, neon art e digital animation. Inaugurato il 16 luglio e concluso la sera dell’8 agosto, il progetto di arte urbana “Untaggable Stories” ha coinvolto migliaia di visitatori, utilizzando la tecnologia in armonia con la magia dell’architettura antica per riflettere sul concetto di “untaggable”, come sinonimo di innovativo, fuori dagli schemi.
 
 
Tempo stimato di lettura: 1'
 

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!