Elezioni Regionali: da Locorotondo parla Vito Speciale (Fi)

di Redazione GoValleDItria sabato, 14 marzo 2015 ore 07:27

Nessuna candidatura locale (forse). Governo Vendola: “Fallimento totale”

TOMMASO SCATIGNA DIVISO TRA VITALI E FITTO

LOCOROTONDO – Siamo alle ultime battute per la definizione dei confini delle coalizioni che si sfideranno alle elezioni regionali di Maggio 2015 per il rinnovo del Consiglio regionale della Puglia.

Il centrodestra si sta organizzando per contrastare un avversario molto forte, il segretario regionale del Pd ed ex sindaco di Bari Michele Emiliano. Tra le forze politiche che sosterranno il candidato presidente Francesco Schittulli, anche Forza Italia.

Grande mobilitazione anche sui territori. Abbiamo posto alcune domande al capogruppo consiliare di Locorotondo Vito Speciale, per capire come gli azzurri locorotondesi affronteranno questo importante appuntamento. Non dovrebbe esserci alcuna candidatura locale, stando a quanto dichiarato dal consigliere comunale. “Tuttavia – ha precisato - così come confidenzialmente ho più volte detto al nostro Sindaco, la sua figura molto apprezzata e conosciuta sul territorio dell'intero sud-est barese e non solo, avrebbe garantito sicuramente un ottimo risultato. Chissà...”.

Forza Italia Locorotondo lascia dunque socchiusa la porta di un eventuale impegno in prima fila in questa competizione elettorale.

Al consigliere Speciale abbiamo chiesto quali sono stati, secondo lui, i punti di debolezza e punti di forza dell’uscente Governo Vendola. “Sembrerei troppo di parte se dicessi che il Governo uscente sia stato un totale fallimento, ma mi è difficile davvero affermare il contrario – ci spiega. - Ad eccezione dell'impegno di alcuni Consiglieri regionali, tra i quali il nostro concittadino Donato Pentassuglia che, ahimè, ha ereditato una situazione sanitaria alquanto critica e caotica, per il resto basta parlare di Piano Paesaggistico Territoriale Regionale, presto pubblicato sul BURP, e che porterà non pochi problemi al già tanto penalizzato settore edile, gestione ILVA, scarsa programmazione e investimenti nel settore agricolo ed infine perdita di diversi milioni di euro di finanziamenti europei. Punto di forza? L’ottima comunicazione degli annunci, spesso distorti e irreali, e la prepotente occupazione di tutti i posti a disposizione nelle strutture regionali”.

Quindi quali sono, secondo Speciale, le prime cose che il nuovo Governo della Regione Puglia dovrà fare all’indomani del suo insediamento? “Azzeramento delle liste di attesa nel settore sanitario mediante parità tra strutture private e pubbliche, certezza di posti di lavoro non precari con programmazione a lungo termine, abbassamento della quota percentuale dell’IRAP, ad oggi tra le più alte d'Italia, snellimento delle procedure amministrative al fine di accelerare gli iter autorizzativi, ecc., più incisività e determinazione sulle scelte riguardanti i trasporti pubblici ormai ridotti all’osso”.
 

Tempo stimato di lettura: 1' 00''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!