Locorotondo, un nuovo bando per la vendita dell'ex caserma

di Redazione GoValleDItria venerdì, 20 marzo 2015 ore 07:47

Il Pd ne chiede l'immediato ritiro: "Tradite le promesse"

LA PROTESTA DEL PARTITO DEMOCRATICO | LE PROPOSTE DEI CITTADINI | LA PUBBLICAZIONE DEL BANDO | L'ACCUSA DEL PD | IL SINDACO RISPONDE AL PD | IL SINDACO TORNA SULL'ARGOMENTO | LA DISCUSSIONE IN CONSIGLIO COMUNALE

LOCOROTONDO - "La pubblicazione di un nuovo Bando per la vendita all'asta dell'ex caserma dei Carabinieri in Via Martina, in data 12 marzo 2015, ci lascia semplicemente sgomenti". E' quanto affermato, in una nota, dal Partito Democratico di Locorotondo, che si batte ormai da un anno (in Consiglio Comunale e fuori) contro la dismissione di un bene pubblico strategico: un ampio immobile, collocato al centro del paese, non in stato di particolare degrado, per il quale si possono immaginare numerose destinazioni utili alla comunità. 
 
"Per ben due volte abbiamo tenuto col Sindaco Scatigna - si continua a leggere - degli incontri sul tema (da noi richiesti), avanzando proposte costruttive e fattibili, e segnalando all'Amministrazione quanto la scelta di "svendere" precludesse ogni possibilità di progettualità futura, di partecipazione a bandi, di concorsi di idee, per una comunità bisognosa di spazi per nuove esigenze di sviluppo".

L'ultimo incontro, il 4 novembre scorso, si era concluso concordando col Sindaco un sopralluogo congiunto nell'immobile, per valutare insieme l'effettivo stato dei luoghi, e di una stima di massima (a cura dell'Ufficio Tecnico) dei lavori minimi indispensabili all'agibilità.
 
"Cosa è cambiato nelle intenzioni di Scatigna, dalle promesse di novembre alla pubblicazione "alla chetichella" di questo nuovo bando? Sperava forse ce ne fossimo scordati? Quali ragioni prevalgono, alla vigilia di una scadenza elettorale? Quali fini si perseguono? Favoriscono gli interessi della comunità, o di quelli della solita cerchia da compiacere?".
 
A fronte di queste domande, il Partito Democratico di Locorotondo chiede all'amministrazione Scatigna l'immediato ritiro del bando e la ripresa di un percorso di progettazione partecipata nell'interesse della collettività!
 
"Promettiamo ai nostri concittadini di continuare a sorvegliare e fare chiarezza su quanto riguarda l’uso dei beni pubblici, consumo di suolo, urbanistica, (non-)pianificazione economica e territoriale del futuro di Locorotondo; e non solo riguardo l'ex-caserma, ma anche scovando tra le pieghe dei PIRU (Piano Integrato di Riqualificazione Urbana) e del Piano Triennale dei Lavori Pubblici ciò che merita di essere sollevato all'attenzione dei cittadini di Locorotondo".
 
 
Tempo stimato di lettura: 1' 10''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!