Locorotondo: l'Amministrazione fa dietrofront sulle modalità di selezione degli scrutatori

di Redazione GoValleDItria giovedì, 23 aprile 2015 ore 11:58

In seguito alle polemiche scoppiate sui social network e i giornali

NOMINE DIRETTE: IL PD NON CI STA

LOCOROTONDO - L'Amministrazione comunale fa dietrofront sulla modalità di selezione degli scrutatori per le prossime elezioni regionali del 31 maggio 2015. Inizialmente, infatti, la Commissione elettorale (composta dai consiglieri comunali Antonio La Ghezza, Vittorino Smaltino, Vito Speciale e presieduta dal Sindaco Tommaso Scatigna) aveva stabilito all'unanimità di procedere mediante nomina diretta fra colori iscritti all'albo comunale. 
 
La decisione ha però destato molto malcontento tra i cittadini e anche il Partito Democratico ha reagito duramente a questa scelta. L'Amministrazione quindi ha deciso di procedere con il sorteggio tra tutti i cittadini che presenteranno la domanda, attraverso il modulo predisposto dall'Ufficio Elettorale e che è possibile scaricare dal sito istituzionale.
 
I cittadini facenti domanda dovranno risultare iscritti all'Albo degli Scrutatori del Comune di Locorotondo e iscritti al Centro per l'Impiego del Comune di Noci in qualità di disoccupato o inoccupato senza percepire alcuna prestazione assistenziale ovvero di essere studente. Le autodichiarazioni saranno verificare dall'Ufficio Elettorale.
 
La domanda, con allegato il documento di riconoscimento, dovrà essere consegnata a mano presso l'Ufficio Protocollo del Comune di Locorotondo (dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.30 o il giovedì dalle ore 15.00 alle ore 18.00) oppure tramite PEC al seguente indirizzo protocollo.comune.locorotondo@pec.rupar.it. Le domande dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12.00 del 4 maggio 2015.
 
La Commissione Elettorale stava lavorando da qualche settimana per stabilire quale migliore criterio applicare, nel massimo rispetto della legge, per favorire i cittadini più bisognosi - ha spiegato il sindaco Tommaso Scatigna. - Siamo al limite della legge con l'indicazione di specifici requisiti, ma siamo dalla parte dei cittadini che ci hanno chiesto a gran voce di perseguire la strada di favorire coloro che si trovano in difficoltà economica, per mancanza di lavoro o perchè studenti. E il buon senso e la ragione asfaltano la faziosità, sempre! Il sindaco di Locorotondo ascolta tutti i cittadini, tranne chi fa polemica per mestiere e professione”.
 
 
Tempo stimato di lettura: 45''

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!