Sequestro Ss 172: a Martina una riunione con i Dirigenti Scolastici e le ditte di trasporto

di Redazione GoValleDItria mercoledì, 17 febbraio 2016 ore 15:12

Formulata una proposta di trasporto integrato e sostenibile. SEQUESTRO TRATTO SS 172 | SEQUESTRO DEPURATORE | VERTICE IN REGIONE |TRASPORTO SCOLASTICO: INTERVIENE SCATIGNA

MARTINA FRANCA – Ha avuto luogo, questa mattina, mercoledì 17 febbraio,  il tavolo tecnico, convocato dal Comune di Martina Franca, per analizzare la situazione del trasporto, in particolare quello degli studenti pendolari, a seguito della sequestro della SS 172 che collega Martina Franca a Locorotondo.
 
Ad essere presenti erano l’Assessore al Diritto allo Studio, Antonio Scialpi, l’Assessore ai Trasporti, Nunzia Convertini , Rosalba Scialpi, funzionario dell’Ufficio Trasporto Scolastico, il Prof. Napolitano dell’IISS. Majorana, il prof. Gravina del Liceo Artistico Calò, il Prof. Carducci e la prof.ssa Muraglia del Liceo Tito Livio, il prof. Amati dell’IISS L. Da Vinci, per le Ferrovie Sud Est Francesco Longobardi,  Michele Bitetto e Cosimo Re,  per la Miccolis Andrea Palmieri e Antonio Colucci, l’Assessore all’Ambiente del Comune di Alberobello, Vitantonio Ignisci, il consigliere Comunale delegato  del Comune di Locorotondo,  Vito Speciale.  
 
Nella parte finale  ha preso parte all’incontro il sindaco del Comune di Martina Franca, Francesco Ancona.
 
Dopo aver evidenziato le criticità del trasporto scolastico, i  rappresentanti delle Ferrovie Sud Est hanno sottolineato che da questo disagio può nascere una opportunità, poiché  il punto di snodo fondamentale è il Comune di Locorotondo, da cui partono quattro autobus.
 
La proposta, pertanto, in via sperimentale e temporanea, è quella di incentivare l’utilizzo del trasporto con il treno,  integrato da bus navetta all’arrivo in stazione di Martina Franca,  con il pagamento di un unico titolo di viaggio, senza aumento di tariffa.
 
I rappresentanti della Sud Est, pertanto, hanno proposto di  verbalizzare l’accordo che prevede l’integrazione del vettore ferroviario con quello automobilistico. Ciò, ad ogni modo, sarà trasmesso all’Assessore Regionale Giovanni Giannini e al Commissario governativo Sud Est, Andrea Viero, per l’approvazione. 
 
Le corse automobilistiche scolastiche  in ogni caso, sono assicurate con l’anticipo di 10 minuti in partenza.
 
I Dirigenti Scolastici illustreranno la proposta in discussione  ai Consigli di Istituto e agli studenti perché sia condivisa. L’Assessore Scialpi ha comunicato ai presenti che l’Istituto Agrario di Locorotondo non ha segnalato disservizi.
 
La Sud Est ha sottolineato che sul treno in partenza alle ore 7.31 da Locorotondo e diretto a Martina Franca  sono disponibili circa 150 posti. Gli studenti interessati viaggerebbero con un unico titolo di viaggio sui relativi servizi (ferroviario e/o automobilistico) con navette messe a disposizione a livello sperimentale e temporaneo,  dalla stazione di Martina Franca al Pergolo. La proposta complessiva di servizio integrato non modifica il numero degli autobus già in esercizio su quella tratta.
 
Se tale proposta sarà approvata, sarà sperimentato, per la prima volta, un sistema di servizio integrato,  rafforzato il trasporto su rotaia. Il periodo sperimentale, con fornitura della navetta gratuita da parte della Sud Est, partirebbe dal 1° marzo 2016, con contestuale anticipo degli orari delle corse in partenza da Locorotondo degli autobus, fino al termine dell’anno scolastico.
 
La Miccolis ha dichiarato la propria  disponibilità a svolgere il servizio di navetta urbano dopo la sperimentazione effettuata dalla Sud Est, come da contratto di servizio, dalla Stazione Centrale e dalle Colonne Grassi al Pergolo, previa verifica sia del numero degli utenti sia del possesso degli stessi di idoneo titolo di viaggio.
 
Il Sindaco Franco Ancona, inoltre, con il Comandante della Polizia Locale, Pietro Cucumile, e il Segretario Comunale, Alfredo Mignozzi, questa mattina ha partecipato ad un incontro convocato dalla Prefettura per fare il punto in relazione alla viabilità.
 
Alla presenza dei rappresentanti della Guardia di Finanzia, del Corpo Forestale dello Stato, dei Carabinieri e della Polizia di Stato, l’ANAS ha confermato quanto detto nell’incontro svoltosi alla presenza dell’Assessore Regionale Gianni Giannini ieri (16 febbraio), ovvero che ha presentato al magistrato istanza per poter accedere ai luoghi, effettuare ulteriori indagini sullo stato del ponte e proporre una soluzione tampone che consenta il riutilizzo della strada in tempi ragionevolmente brevi. 
 
 
Tempo stimato di lettura: 1'

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!