Controlli ambientali e stradali sul litorale occidentale tarantino

di Redazione GoValleDItria martedì, 26 aprile 2016 ore 12:08

A cura del personale forestale del Comando Provinciale di Taranto e dell’U.T.B. di Martina 

TARANTO - 5 moto da cross che circolavano sprovviste di omologazione stradale, targa ed assicurazione sono state sequestrate. Ad essere sanzionati anche 3 minorenni per transito con mezzi motorizzati sull’arenile: questi i risultati dei controlli svolti nello scorso fine settimana dal personale forestale del Comando Provinciale di Taranto e dell’U.T.B. di Martina Franca finalizzati alla repressione degli illeciti al codice della strada ed alla normativa ambientale nei territori del litorale ionico ricadenti nell’agro dei Comuni di Massafra, Palagiano, Castellaneta e Ginosa, ivi compresa la Riserva Naturale Statale “Stornara”. 
 
Al servizio hanno partecipato anche alcune pattuglie ippomontate del reparto a cavallo del C.F.S. di Martina Franca.
 
Le “moto da cross” prive di omologazione stradale, targa, carta di circolazione, non sono iscritte in pubblici registri e non sono assicurabili. Non potendo circolare su strada, anche per l’utilizzo in pista, necessitano di essere trasportate su appositi carrelli o furgoni per il raggiungimento di un circuito.
 
Invece, negli ultimi tempi si è diffuso l’utilizzo di tali mezzi per percorrere boschi, spiagge e dune del litorale ionico, oltre che circolare sulle strade pubbliche. In diverse occasioni le pinete retrodunali comprese nella Riserva Statale “Stornara” e nel Sito d’Importanza Comunitaria “Pinete dell’Arco Ionico” , venivano di fatto trasformate in piste da motocross con ingenti danni al suolo ed alla vegetazione e disturbo alla fauna selvatica.
 
Proseguiranno i servizi mirati del Corpo Forestale dello Stato volti a tutelare la sicurezza stradale nelle aree rurali e costiere ed a salvaguardare i territori demaniali di particolare pregio naturalistico e paesaggistico della provincia di Taranto. 
 
 
Tempo stimato di lettura: 40''
 

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!