I giovani COR tarantini a Cortina d'Ampezzo

di Redazione GoValleDItria domenica, 25 settembre 2016 ore 09:09

Per una tre giorni di formazione politica 

CORTINA D’AMPEZZO - Partecipazione e proposta, sono questi gli ingredienti principali dei tre giorni di formazione politica che si sono svolti a Cortina d'Ampezzo. 
 
L'iniziativa, promossa dal gruppo dei Conservatori e Riformisti della Camera dei Deputati, ha coinvolto diversi esponenti della politica, delle istituzioni  e del mondo associativo. 
 
A fare gli onori di casa sono stati l'eurodeputato Remo Sergianotto, il coordinatore regionale dei CoR del Veneto Leo Padrin e, ovviamente, il leader nazionale del partito Raffaele Fitto. Anche la provincia ionica ha partecipato ai lavori ed ai momenti di formazione a Cortina con una delegazione giovanile composta da Filippo Pavone, Salvino Chetta, Claudio Aurora e Giuseppe Formisano.
 
"Una esperienza davvero importante - commentano i componenti della delegazione. - Abbiamo avuto l'opportunità di riflettere e analizzare alcuni temi caldi del nostro Paese, ossia le ragioni del no al referendum costituzionale, temi economici, banche e legge di stabilità. Un dibattito anche sul tema delle primarie come sfida per cambiare ed unire il centrodestra. Siamo pienamente convinti - concludono i giovani tarantini - che la partecipazione a questi appuntamenti formativi sia una opportunità di crescita e di arricchimento culturale per chi si impegna politicamente nei territori". 
 
Il prossimo passo consiste nella "Convenzione Blu", l'evento nazionale che si terrà il prossimo 5 e 6 novembre a Roma. 
 
Una sfida che i Conservatori e Riformisti, capeggiati dall'ex ministro salentino Fitto, e rappresentati a Taranto dall'On. Gianfranco Chiarelli, lanciano all'intero centrodestra per cercare di creare un contenitore politico alternativo a Renzi. Durante la convention nazionale di novembre saranno lanciate proposte e idee su diversi temi tra cui immigrazione, primarie, sicurezza, meritocrazia, giovani e pensioni. 
 
La kermesse di Cortina, giunta alla seconda edizione, ha riscontrato un enorme successo ed ha lanciato alcuni spunti verso la Convenzione Blu.
 
 
Tempo stimato di lettura: 30''
 

Attibuzione - Non commerciale

   

Inserisci un commento


Valle d'Itria social




Commenti recenti

  • meoli federico

    Vorrei far riflettere i giovani sull’utilità di lavorare come animatori turistici poiché può favorire l’accesso ad ulteriori sbocchi lavorativi....

    Mostra articolo
  • De Maio Giuseppina

    Buongiorno, le regioni meridionali con progetti simili potrebbero risorgere e vivere di natura e turismo veicolato, senza essere costrette a...

    Mostra articolo



Login

Se non sei iscritto, registrati subito!